Viaggio intorno al Gargano: Manfredonia

Circumnavigando la terra di Puglia, eccoci sbarcare nel porto di Manfredonia, una delle città più importanti della provincia di Foggia. Perché è importante per i turisti dei villaggi puglia conoscere quel tratto di costiera che soffre all’ombra del Salento, ma che allo stesso modo presenta luoghi belli da visitare: proprio a Manfredonia, sorge l’African Beach Village e Residence, ideale villaggio per famiglie in vacanza.

mare gargano,vacanze puglia,african beach manfredonia

Manfredonia, conosciuta anticamente come Sipontum, è una cittadina pugliese situata sull’omonimo golfo del mare adriatico, a sud del Gargano.
I numerosi reperti archeologici testimoniano l’antichità della città e soprattutto come questa zona fosse abitata già dall’epoca neolitica. Siponto fu centro importante tra il IV e il V secolo, fu a lungo contesa tra Longobardi e Bizantini, per poi essere ricostruita dai Saraceni nel IX secolo.
A metà del 1200 a seguito di diversi terremoti che distrussero per l’ennesima volta la città, il principe di Taranto, Manfredi, giunto nella zona si Siponto durante una battuta di caccia sul Gargano, trovò la città completamente distrutta e i suoi abitanti a vivere in condizioni disumane.
Decise quindi di far ricostruire la città al fine di farla diventare uno dei centri più importanti del regno, soprattutto per via della sua posizione strategica rispetto all’Oriente Bizantino.
Il principe ribattezzò la città conferendole il suo nome, in segno di futuro prestigio. Nel giro di pochi anni la città venne ricostruita, con tanto di Castello, fortini e baluardi.
Alla morte di Manfredi, il tutto passò nella mani degli angioini di Carlo I d’Angiò, sotto il quale venne completato il castello e iniziato i lavori del nuovo duomo.
La storia della città è ricca di situazioni e passaggi di popoli diversi, basti pensare che la storia recente vede Manfredonia essere la prima città bombardata dagli austriaci durante la Prima guerra Mondiale all’alba del 24 Maggio 1924.

Mercatini dell’Antiquariato in Puglia

collezionismo.jpgGli attuali e futuri viaggiatori e/o ospiti dei villaggi puglia, appassionati di antiquariato e collezionismo, possono approfittare di visitare alcuni noti mercatini pugliesi di grande interesse.
La prima domenica del mese, si tiene il Mercato dell’Antiquariato a Brindisi, con circa quaranta espositori, presso le vie principali dalle ore 8 alle 20.
Anche a Rutigliano (BA), la prima domenica del mese si tiene la Mostra Mercato dell’Antiquariato, ma solo nei mesi di Luglio e Agosto, presso il centro storico dall’alba al tramonto.
Ogni seconda domenica del mese presso Porta San Demetrio a Ostuni, rinomata località turistica brindisino, si tiene da anni oramai, la Mostra mercato dell’antiquariato e del modernariato, che ospita espositori e commercianti di oggetti d’antiquariato, modernariato e collezionismo, provenienti da tutte le regioni d’Italia.
A Fasano (BR) tutti i sabato e domeniche dei mesi di luglio e agosto, si tiene la Mostra Mercato di Antiquariato, Modernariato e Vintage, in località Selva di Fasano.
Infine a Lecce, ogni ultima domenica del mese si tiene la Mostra Mercato dell’Antiquariato e Modernariato, presso via XX Settembre.

Un viaggio tra le terre e il mare della Puglia

torreserena_village_marina_di_ginosa.jpgSiamo appena arrivati in provincia di Taranto, nella meravigliosa Puglia al confine con la Lucania: stiamo attraversando terre ricche di tradizioni ancora fortemente radicate e di capolavori d’arte, di musei, di cattedrali romantiche, antiche vestigia e innumerevoli testimonianze che popolazioni indigene, insieme a greci, romani, bizantini e arabi, normanni e longobardi e poi spagnoli e francesi, hanno qui lasciato. Siamo a Ginosa, terra famosa per le gravine, profonde forre naturali scavate nel tufo dal mare, meta turistica per le vacanze in Puglia nella stagione estiva.

Qui, a Marina di Ginosa, si può trascorrere un soggiorno sulla costa del mar Ionio, circondati dalla natura e dalla storia. Qui troviamo un villaggio, il Torreserena Village, uno dei villaggi turistici più noti della costa pugliese, direttamente sul mare, a 700 metri dalla spiaggia sabbiosa, attrezzata e riservata, ideale per la balneazione dei bambini visto il fondale che degrada dolcemente.

Il villaggio, del gruppo Bluserena, è perfetto per la nostra vacanza in famiglia, perchè offre tutti i servizi che caratterizzano la catena di strutture turistiche: dai club per bambini e ragazzi ai corsi e tornei di sport, dall’animazione per grandi e piccoli alla ristorazione a buffet con bevande incluse ai pasti, dalle camere fornite di ogni confort alla cucina-biberoneria per mamme e neonati. Un villaggio che si prende cura dei propri ospiti a 360 gradi e che offre la possibilità di godere delle meraviglie della costa pugliese e di gustare l’atmosfera magica che una terra ricca di tradizioni porta con sé.

Otranto per le tue vacanze

otranto_puglia.jpgOtranto è molto di più di una meta turistica. La città rappresenta un unicum dal punto di vista culturale, artistico, architettonico e naturalistico. Posta com’è sulle sponde dell’omonimo canale, sul punto più estremo ad oriente della nostra penisola, ha risentito per millenni delle influenze di popoli e culture diverse.

Otranto oltre che fisico è un ponte culturale tra cattolici ed ortodossi, cristiani e musulmani, nord Europa e cuore del Mediterraneo tra est ed ovest del mondo. Un connubio che apprezzabile in ogni suo aspetto non ultimo quello antropologico.

La città merita una visita per i suoi numerosi monumenti: la Cattedrale della Annunziata, maestosa opera dell’XI secolo espressione del Romanico Pugliese; il mosaico pavimentale ivi custodito, realizzato tra il 1163 e 1165 D.C. dal monaco basiliano Pantaleone che riporta un insieme di simboli religiosi e pagani espressione di una cultura non più presente oggi che rende difficoltosa e dibattuta la piena interpretazione; la edicola di San Pietro interessantissima espressione di arte bizantina nel sud Italia; il castello di Otranto, costruito o meglio ricostruito dagli Aragonesi una volta liberata la città dagli occupanti turchi nel 1481 e molto, molto altro ancora.

Anche il suo borgo antico, perfettamente conservato, emana un fascino molto particolare tanto da far inserire la città tra i cento Borghi più belli d’Italia.

Ma Otranto oggi è soprattutto vacanze, quelle legate al mare ma che possono essere completate da aspetti culturali e perchè no, anche gastronomici di assoluto rilievo.

La costa cittadina si presenta molto variegata ed affascinante. E’ ad ogni modo possibile distinguere tre arre principali. La prima riguarda la costa a sud di Otranto che si presenta per lo più alta e rocciosa; offre magici panorami, tanto da venir inserita dal TCI tra i tratti più belli d’Italia, ed in molti punti permetta una comoda balneazione. Al riguardo è interessante Porto Badisco, una graziosa insenatura che alcuni preferiscono chiamare il piccolo fiordo.

Poi abbiamo la costa della città che presenta diverse spiagge di facile e comodo accesso. Non mancano i lidi attrezzati.

Infine abbiamo il tratto di costa posto a nord della città. E’ qui che risiedono la gran parte delle strutture turistiche della città quali villaggi, agriturismi, bed and brekfast, lidi e stabilimenti balneari. Inizialmente la costa, già bassa, alterna tratti di sabbia con altri di roccia bassa; siamo in località quali Santo Stefano e Baia dei Turchi. Poi l’arenile acquista sempre maggiore consistenza dando vita ad un lungo tratto di spiaggia, che si estende per diversi km, in località Alimini. Tutta la costa presenta vegetazione a macchia mediterranea e in pini marittimi.

Ma ad arricchire ulteriormente il quadro contribuiscono tutti i paesi dell’entroterra, custodi di una cultura e di tradizioni che altrove sono sparite. Non è possibile venire nel salento ed a Otranto senza immergersi in una delle tante sagre che si svolgono nei paesi, dedicate alle prelibatezze più disparate. Molto particolare al riguardo è la Sagra della Municeddhra, che si svolge a metà di agosto di ongi anno in Cannole. Si tratta di una sagra dedicata ad un particolare tipo di lumaca che si sviluppa molto sottoterra.

Ma se si ha la pazienza di informarsi le opportunità per muoversi non mancano.

Quindi un buona vacanza a tutti, in estate ma forse ancor di più nelle altre stagioni dell’anno da organizzare in una delle tante strutture della città o perchè non anche prendendo in affitto appartamenti a Otranto.